SPOILER torre nera 7: quesito mondo cardine

Tutto sulla saga Western-Fantasy di Roland di Gilead ed il suo ka-tet
Avatar utente
Cuthbert Allgood
Affezionato Kinghiano
Affezionato Kinghiano
Messaggi: 217
Iscritto il: mer set 09, 2009 2:45 pm
Località: Baronie di Mejis

SPOILER torre nera 7: quesito mondo cardine

Messaggioda Cuthbert Allgood » sab set 12, 2009 3:42 pm

Salve a tutti, pongo una mia questione. Spero di essere nella sezione giusta.
ATTENZIONE E' UNO SPOILER
in pratica, dopo aver letto il 7# libro, non me ne sono accorto subito, però, poi pensando a questa cosa che sto per dirvi, mi sono detto: "mah, non può essere che King abbia sbagliato!".
Spoiler: Mostra
In pratica lui dice spesso che il mondo cardine (quello di jake eddie e suze) e il medio mondo (quello di Roland) sono gli unici mondi in cui se uno muore muore per sempre. Non c'è verso di portarlo indietro con qualsiasi stratagemma temporale con porte, contezze eccetera.
Allora mi sono chiesto, cavolo e Jake allora? Non era morto nel tunnel dei lenti Mutanti abbandonato al crudele destino dalla mano di Roland? Come mai poi torna a vivere nel modo in cui tutti sappiamo grazie alla chiave di Eddie?
Sicuramente non avrò capito qualcosa! E l'errore lo faccio io, mi sarà sfuggito qualche particolare..
Spero possiate delucidare questo mio dubbio!
Ultima modifica di Boz il mar set 15, 2009 10:10 am, modificato 2 volte in totale.
Motivazione: inserito correttamente lo spoiler, cambiato titolo con uno più indicativo
Nel nostro seme si nascondono si riproducono germi di desideri infetti
Gli stati servi si inchinano a quella scimmia di presidente
s’invade si abbatte si insegue si ammazza "il cattivo"
si inventano democrazie.
(Ermeneutica, Franco Battiato)

Avatar utente
Cuthbert Allgood
Affezionato Kinghiano
Affezionato Kinghiano
Messaggi: 217
Iscritto il: mer set 09, 2009 2:45 pm
Località: Baronie di Mejis

SPOILER torre nera 7: quesito mondo cardine

Messaggioda Cuthbert Allgood » lun set 14, 2009 2:14 pm

O ragazzi, nessuno risponde? :cry:
Nessuna anima pia che ha letto la torre nera e che voglia rispondere?!
Nel nostro seme si nascondono si riproducono germi di desideri infetti
Gli stati servi si inchinano a quella scimmia di presidente
s’invade si abbatte si insegue si ammazza "il cattivo"
si inventano democrazie.
(Ermeneutica, Franco Battiato)

Avatar utente
Boz
Administrator
Administrator
Messaggi: 305
Iscritto il: gio mag 22, 2003 2:11 pm
Località: Napoli
Contatta:

SPOILER torre nera 7: quesito mondo cardine

Messaggioda Boz » mar set 15, 2009 10:09 am

Ciao, credo di avere la risposta che potrà sciogliere i tuoi dubbi.. a meno di non ricordare male..
Non ricordo esattamente a quale pagina, e in quale volume della saga viene detto, ma nessuno dei quattro mondi (Eddie, Jack, Suze, Roland) è quello "cardine".
Il mondo cardine è quello di Stephen King, che dovrebbe essere il mondo reale. Se si muore in quello, allora si è morti per sempre.
Questo perché? ripropongo la mia annosa teoria circa la torre, in versione ridotta :) :
I mondi di Roland, Jack, Eddie e Suze, sono mondi immaginari, letteralmente. Rappresentano la fantasia dello scrittore, la sua immaginazione. In origine, credo, che l'idea di rappresentare la propria immaginazione valesse per l'universo di Roland, questo il suo mondo è così strano, contaminato dagli elementi più svariati, dove tutto si fonde e non è più quello che era.
Tempo fa King annunciò che voleva ritirarsi dal mondo della scrittura..
Poi disse che la sua decisione sarebbe venuta dallo scontro finale con il Re Rosso (King aveva più o meno abbandonato la saga della Torre al IV libro, difatti i volumi successivi sono usciti dopo anni e praticamente a pochissima distanza temporale e soprattutto più omogenei sotto molti punti di vista).
La Torre è il fulcro della sua immaginazione, la rappresenta nella sua essenza. Più volte è stato scritto che la torre è il centro di tutti gli altri mondi, che i vettori -partendo dalla torre- sorreggono una miriade di universi differenti.. e questi universi non possono essere altro che i frutti della sua immaginazione. La difficoltà di immaginare, di creare, il mestiere dello scrivere e il modo in cui credo possa funzionare la mente di uno scrittore, unite alla storia della volontà di dare l'addio alla scrittura mi pare possano essere più o meno ricollegate alla storia della torre.

Questo è il mio punto di vista e non vuole essere la Verità assoluta circa questa storia. :)
Il bello della letteratura, e la bravura di king, sta nel fatto che si creano mondi infiniti in cui ognuno può introdursi, immergersi, e creare una propria coscienza (virtuale) e quindi infinite interpretazioni di un unico testo.. :D
Fammi sapere che ne pensi!

PS: ho aggiustato lo spoiler: il testo va inserito all'interno dei Tag SPOILER, e prima di questi va precisato a quale libro ti riferisci. In più ho modificato il titolo. :)

Avatar utente
Cuthbert Allgood
Affezionato Kinghiano
Affezionato Kinghiano
Messaggi: 217
Iscritto il: mer set 09, 2009 2:45 pm
Località: Baronie di Mejis

Re: SPOILER torre nera 7: quesito mondo cardine

Messaggioda Cuthbert Allgood » mar set 15, 2009 5:39 pm

Ciao Boz, grazie per aver risposto (e che risposta!).
Spoiler: Mostra
credo tu abbia pienamente ragione. Nemmeno io ricordo dove dice che il mondo cardine (quello dove si muore per sempre appunto) è quello dello Scrittore. Però deve essere per forza così.
In effetti basta pensare alla morte del povero Jake investito dall'auto che doveva investire King. Anche se poi alla fine Susannah lo ritrova con Eddie attraversando la porta (Ma non doveva morire per sempre Jake?!!! Madonna non ci capisco niente. Forse quello è uno dei tanti mondi paralleli che dicevi tu!). Per quanto riguarda invece l'interpretazione o la spiegazione che uno si può dare della Torre, beh io ne ho una particolare..
In pratica io ci vedo un pizzico di Buddismo in tutto questo! Non sto bestemmiando, ma anche la parola "Ka" secondo me è presa da Karma infatti ti incollo da wikipedia la definizione :"Karma è un termine sanscrito (कर्म, traducibile come agire, azione inizialmente inteso come esecuzione corretta dei rituali) che indica presso le filosofie orientali il principio di causa-effetto, un principio di concatenazione secondo il quale ogni azione provoca una reazione, vincolando gli esseri senzienti al Saṃsāra (il ciclo di morti e rinascite).
È la parte non-materiale delle azioni, ed è la causa del destino degli esseri viventi.
". E' più che palese che King abbia speziato la sua opera con teorie orientali.. Io l'ho sempre vista così, è una mia convinzione personale. Infatti quando lui oltrepassa la porta dell'ultima stanza della Torre, "rinasce" solo che questa volta possiede il Corno di Jerico Hill, cosa che potrebbe cambiare tutto. Del resto questo è un argomento caro a King: LA RICERCA. Non è importante la meta ma il viaggio, come dice lui stesso nella nota dell'autore alla fine del settimo libro.
E per concludere eccone una conferma: una sorta di reincarnazione! Infatti molto spesso King nei 7 libri ci dà dei piccoli particolari importantissimi: Eddie è la "reincarnazione" di Cuthbert (Entrambi hanno una ferita mortale ad un'occhio), Susan è la reincarnazione di Susannah (Ne "La Sfera del Buio", ad un certo punto Susan vede Cuthbert al mercato e pensa "se solo avessi incontrato prima lui..."; infatti nella sua prossima vita Susan/Susannah sta con Cuthbert/Eddie). Jake è la reincarnazione di Alain Johns, in quanto entrambi hanno il "tocco".
Boh, io la vedo così. Spero di non essermi dilungato parecchio.. :D
.
Ho visto che sei fan dei FabFour, i Betles. Anche io. Mi sono appassionato a loro grazie a King e alla Torre. Infatti a Tull c'era il pianista Sheb credo che suonava una sgangherata versione di Hey Jude. Beh, corro su Youtube ad ascoltarla (come faccio del resto con tutte le canzoni che King cita nei romanzi) ed è stato amore a prima vista...ehm ascolto :lol: !
Ho concluso, spero di essere stato sufficientemente chiaro! Boz, sai cosa ha detto George Harrison prima di morire? "Tutto può attendere, tranne la RICERCA di Dio". Argomento caro a King non trovi?!
Beh, ciao!!
Nel nostro seme si nascondono si riproducono germi di desideri infetti
Gli stati servi si inchinano a quella scimmia di presidente
s’invade si abbatte si insegue si ammazza "il cattivo"
si inventano democrazie.
(Ermeneutica, Franco Battiato)


Torna a “La Torre Nera”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 3 ospiti

cron