la lunga marcia

Tutto ciò che riguarda le opere del Re.
acchiappasogni
Affezionato Kinghiano
Affezionato Kinghiano
Messaggi: 218
Iscritto il: gio giu 05, 2008 10:56 pm
Località: Cerasa
Contatta:

Re:la lunga marcia

Messaggioda acchiappasogni » dom giu 15, 2008 11:28 am

ho letto con molta attenzione la lunga marcia, mi è piaciuto molto...lo trovo coinvolgente, emozionante! grande davvero!:laugh: ciao nì

Notredame
Affezionato Kinghiano
Affezionato Kinghiano
Messaggi: 114
Iscritto il: mar mar 04, 2008 7:55 pm
Località: Bologna
Contatta:

Re:la lunga marcia

Messaggioda Notredame » dom giu 15, 2008 5:30 pm

Un bel libro dall\'inizio alla fine e non mi ha maaaaaaaaaaai annoiato.
Molto semplice e veloce da leggere.;)

Lovecraft
Affezionato Kinghiano
Affezionato Kinghiano
Messaggi: 111
Iscritto il: mar giu 17, 2008 11:53 pm

Re:la lunga marcia

Messaggioda Lovecraft » dom set 14, 2008 2:12 am

Arrivo tardi, lo so.
Io credo che al termine del libro la figura che il ragazo vede sia se stesso, ovvero la rappresentazione di ciò che è diventato dopo la marcia.
Credo che il Re con il libro abbia un pò anticipato i tempi su quello che avverrà poi in futuro, cioé che tutto fa spettacolo, meglio se é presente sofferenza.
Una sorta di reality all\' ultimo sangue; l\'unica variante é che i partecipanti se ricordate venivano sorteggiati (tutti ragazzi); alcuni ne ernao contenti per la sfida che la marcia rappresentava, altri ne erano terrorizzati

Avatar utente
Jenny
Volenteroso Kinghiano
Volenteroso Kinghiano
Messaggi: 50
Iscritto il: mer ago 20, 2008 2:19 pm
Località: Padova

Re:la lunga marcia

Messaggioda Jenny » mer ott 15, 2008 7:53 pm

Bello... l\'ho letto in tre giorni... segue il filo de \"L\'uomo in fuga\": un gioco di morte per un premio spropositato... Uno dei migliori che il Re abbia scritto!

Avatar utente
Crimson King
Io e King siamo una cosa sola!
Io e King siamo una cosa sola!
Messaggi: 1125
Iscritto il: mar mar 04, 2008 8:34 pm
Località: Can'-Ka No Rey
Contatta:

Re:la lunga marcia

Messaggioda Crimson King » lun ott 20, 2008 1:47 pm

Lovecraft ha scritto:
Arrivo tardi, lo so.
Io credo che al termine del libro la figura che il ragazo vede sia se stesso, ovvero la rappresentazione di ciò che è diventato dopo la marcia.
Credo che il Re con il libro abbia un pò anticipato i tempi su quello che avverrà poi in futuro, cioé che tutto fa spettacolo, meglio se é presente sofferenza.
Una sorta di reality all\' ultimo sangue; l\'unica variante é che i partecipanti se ricordate venivano sorteggiati (tutti ragazzi); alcuni ne ernao contenti per la sfida che la marcia rappresentava, altri ne erano terrorizzati

be\', io sul reality ci
vedrei meglio \"l\'uomo in fuga\"
che \"la lunga marcia\".
Immagine

LarryUnderwood
Poppante Kinghiano
Poppante Kinghiano
Messaggi: 3
Iscritto il: dom gen 04, 2009 9:21 pm

Re: la lunga marcia

Messaggioda LarryUnderwood » dom gen 04, 2009 9:31 pm

Ciao a tutti, sono nuovo del Forum.....

Mi sembra molto carino, e finalmente ho qualcuno con cui posso parlare di stephen king senza andare a rompere a mia sorella....


Detto questo, La lunga marcia è uno dei miei preferiti, scorre bene...l'ho letto un paio di volte.
Spoiler: Mostra
Secondo me Garraty alla fine della corsa crede di vedere qualcuno, mentre invece è solo frutto della sua immaginazione,se ben ricordo fà un elenco dei suoi amici morti in gara subito prima dell' ultima frase.Quindi non è importante sapere chi ha visto.....è importante sapere che ha visto qualcuno avanti a lui,mentre ormai era l'unico superstite.In poche parole il libro dice che nonostante tutto il suo impegno e la sua forza di volontà, anche per lui la gara è finita troppo tardi.
O almeno questo è il significato che ho trovato io.....


Ancora complimenti per il sito
Ultima modifica di hpr7 il lun gen 05, 2009 10:45 am, modificato 1 volta in totale.
Motivazione: Inserire l'opzione spoiler quando si anticipa una parte fondamentale del romanzo :)

Avatar utente
Crimson King
Io e King siamo una cosa sola!
Io e King siamo una cosa sola!
Messaggi: 1125
Iscritto il: mar mar 04, 2008 8:34 pm
Località: Can'-Ka No Rey
Contatta:

Re: la lunga marcia

Messaggioda Crimson King » lun gen 05, 2009 10:16 pm

LarryUnderwood ha scritto:Ancora complimenti per il sito

:shock:

no! damnatio! anatema!
ma lo sai cos'hai fatto?
ora non potremo più dire che il sito fa schifo
che senza una stanza per i nostri scritti
ce ne andremo, che... che...
ora ci hanno in pugno! :evil:

LarryUnderwood
Poppante Kinghiano
Poppante Kinghiano
Messaggi: 3
Iscritto il: dom gen 04, 2009 9:21 pm

Re: la lunga marcia

Messaggioda LarryUnderwood » mar gen 06, 2009 2:31 pm

Vabbè....scusate allora ahahah

Il fatto è che quando si entra in casa d'altri lo si fà in punta di piedi! Sulla "forma" del sito mi sono limitato ad un "Carino",e poi mi sembra che le cose importanti le abbia tutte......io ho apprezzato sopratutto l'idea....

Avatar utente
Pennywise
Administrator
Administrator
Messaggi: 142
Iscritto il: ven ott 04, 2002 2:14 pm
Facebook: https://www.facebook.com/alessandro.furlano
Località: Le Fogne di Derry
Contatta:

Re: la lunga marcia

Messaggioda Pennywise » mar gen 06, 2009 5:41 pm

LarryUnderwood ha scritto:Vabbè....scusate allora ahahah

Il fatto è che quando si entra in casa d'altri lo si fà in punta di piedi! Sulla "forma" del sito mi sono limitato ad un "Carino",e poi mi sembra che le cose importanti le abbia tutte......io ho apprezzato sopratutto l'idea....


...e noi apprezziamo chi apprezza... :P

Mr.Pinkle
Affezionato Kinghiano
Affezionato Kinghiano
Messaggi: 100
Iscritto il: lun giu 30, 2008 9:47 pm

Re: la lunga marcia

Messaggioda Mr.Pinkle » mer gen 14, 2009 11:43 am

Bellissimo romanzo, anche questo crudo e diretto, surreale e "militare", logorante e cinico... ma non a-morale, anzi, tutto sommato c'è come una commozione sottintesa in tutto il libro...
Il finale è bellissimo, secondo me descrive semplicemente lo stato d'animo logorato (per sempre?) dallo stress fisico, niente di più...

Non cercherei legami alla torre nera in tutto quel che ha scritto King; anzi, questo è il secondo romanzo scritto da King dopo Ossessione, nel '67 se non sbaglio (intendendo che il suo terzo, Carrie, è stato il primo pubblicato) e dubito proprio che avesse in mente di scrivere una qualsiasi saga, all'epoca...
Io resto dell'idea che King sia arrivato all'idea di una saga negli anni '80 (forse nell'edizione '83 di Christine era menzionata per la prima volta), abbia iniziato a darne forma negli anni '90 e che fra la fine dei Novanta nei primi 2000 abbia inziato a creare e organizzare tutti i legami di cui oggi discutiamo... quindi tutto quel che ha scritto prima è privo di qualsiasi intenzione, ed è stato "incastrato" a posteriori nella saga... opinione mia! E pure off-topic... :D

lovecar
Poppante Kinghiano
Poppante Kinghiano
Messaggi: 22
Iscritto il: lun gen 19, 2009 6:27 pm

Re: la lunga marcia

Messaggioda lovecar » gio gen 22, 2009 3:01 pm

splendido libro ( il primo che ho leto di Bachman ) con la giusta dose di crudezza. regna incontrastata per tutte le 200 e passa pagine la stanchezza dei Marciatori e la loro paura della morte.......libro che ti ghiaccia il sangue ( soprattutto quando i ragazzi, sfiniti, decidono di lasciarsi sparare aspettando che un colpo di fucile riecheggi nell'aria ) ........di forte impatto....lo consiglio

Avatar utente
Crimson King
Io e King siamo una cosa sola!
Io e King siamo una cosa sola!
Messaggi: 1125
Iscritto il: mar mar 04, 2008 8:34 pm
Località: Can'-Ka No Rey
Contatta:

Re: la lunga marcia

Messaggioda Crimson King » sab gen 31, 2009 4:50 pm

Mr.Pinkle ha scritto:Bellissimo romanzo, anche questo crudo e diretto, surreale e "militare", logorante e cinico... ma non a-morale, anzi, tutto sommato c'è come una commozione sottintesa in tutto il libro...
Il finale è bellissimo, secondo me descrive semplicemente lo stato d'animo logorato (per sempre?) dallo stress fisico, niente di più...

Non cercherei legami alla torre nera in tutto quel che ha scritto King; anzi, questo è il secondo romanzo scritto da King dopo Ossessione, nel '67 se non sbaglio (intendendo che il suo terzo, Carrie, è stato il primo pubblicato) e dubito proprio che avesse in mente di scrivere una qualsiasi saga, all'epoca...
Io resto dell'idea che King sia arrivato all'idea di una saga negli anni '80 (forse nell'edizione '83 di Christine era menzionata per la prima volta), abbia iniziato a darne forma negli anni '90 e che fra la fine dei Novanta nei primi 2000 abbia inziato a creare e organizzare tutti i legami di cui oggi discutiamo... quindi tutto quel che ha scritto prima è privo di qualsiasi intenzione, ed è stato "incastrato" a posteriori nella saga... opinione mia! E pure off-topic... :D

S
P
O
I
L
E
R
ne "la torre nera", l'ultimo
capitolo della saga medesima
king dice esplicicamente
che "la torre nera, ce l'ha
sempre avuto dentro, pur
inconsciamente", quindi
chissà...?

Avatar utente
Riccardo
Affezionato Kinghiano
Affezionato Kinghiano
Messaggi: 100
Iscritto il: gio feb 05, 2009 6:18 pm

Re: la lunga marcia

Messaggioda Riccardo » sab feb 07, 2009 12:03 am

Bellissimo. La storia in se è davvero semplice, e scrivere tutte quelle pagine con una tramacosì non sembrerebbe facile.
King ci riesce come meglio sa fare: descrive in maniera eccelsa gli stati d'animo di tutti i partecipanti, i loro pensieri, le loro paure i loro stimoli.
Davvero bellissimo.
Per quanto riguarda la figura che vede alla fine... non avevo pensato a collegamenti vari; mi ero semplicemente fatto l'idea che fosse lo sfinimento; che in realtà per Garraty, come per chiunque altro fosse arrivato al suo punto, la lunga marcia non potesse più avere fine, che avesse perso di vista lo scopo finale, che non si sarebbe più fermato, a prescindere dal traguardo, finchè non fosse crollato a terra sfinito; che dopo tutto ciò che aveva vissuto non avrebbe osato fermarsi volontariamente, e che continuasse inconsciamente a cercare un motivo per proseguire la marcia.
"Perchè niente è più dolce della patria e dei padri, anche se uno, lontano, in una casa ricchissima vive, ma in terra straniera, lontano dai padri." Odisseo.

rie1983
Poppante Kinghiano
Poppante Kinghiano
Messaggi: 19
Iscritto il: ven mag 07, 2010 10:38 am
Località: Mezzanego

Re: la lunga marcia

Messaggioda rie1983 » ven giu 04, 2010 12:30 pm

L'ho trovato entusiamante e veramente introspettivo. Scava nelle debolezze umane su tutti i fronti. Bellissimo. Mc Vries è stato il mio personaggio preferito. Ma il finale non è secondo me all'altezza del resto del romanzo. Per quanto riguarda l'identità di quella figura davanti a Garraty alla fine, anche secondo mè è la morte. :roll: :roll: :wink: :lol:

Avatar utente
Beverly
Affezionato Kinghiano
Affezionato Kinghiano
Messaggi: 135
Iscritto il: mer apr 22, 2009 11:25 am

Re: la lunga marcia

Messaggioda Beverly » ven lug 16, 2010 11:39 am

Finito da poco...

Sinceramente il finale non l'ho capito :roll:

s
p
o
i
l
e
r

Inizialmente ho pensato che corresse in mezzo alla folla nella speranza di essere
ucciso anche lui come gli altri che prima avevano tentato la fuga,
stremato da ciò che aveva visto e vissuto...
...ma in effetti essendo finita la gara non ha senso...

Comunque un libro bello ma di una tristezza infinita... Non lo rileggerei mai più...
Mi sembrava di sentire gli spari...
"Lontano da me le sdolcinature.
Lontani da me i buoni sentimenti positivi.
Lontana da me Biancaneve e i suoi sette odiosi nanerottoli."

(S. King)


Torna a “Romanzi e Racconti”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 5 ospiti

cron