The Outsider

Tutto ciò che riguarda le opere del Re.
Avatar utente
lilian75
Volenteroso Kinghiano
Volenteroso Kinghiano
Messaggi: 70
Iscritto il: sab dic 05, 2015 4:14 pm
Contatta:

Re: The Outsider

Messaggioda lilian75 » ven nov 30, 2018 9:48 am

bellissimo

Avatar utente
Giacomo Petrie
Affezionato Kinghiano
Affezionato Kinghiano
Messaggi: 383
Iscritto il: lun feb 13, 2012 1:51 pm

Re: The Outsider

Messaggioda Giacomo Petrie » lun gen 07, 2019 2:45 am

Niente male, ma diciamo che tranne nei luoghi e nei personaggi la storia un pò "cita" le altre storie kinghiane.
Diciamo che si poteva fare di meglio ma è sempre una gran bella lettura. Notti piacevoli.
Non c'è vita qui, ma il lento morire dei giorni.

La danza è vita.

Avatar utente
Terru_theTerror
Administrator
Administrator
Messaggi: 1289
Iscritto il: lun dic 06, 2010 3:12 pm

Re: The Outsider

Messaggioda Terru_theTerror » mar gen 22, 2019 3:35 pm

Parte molto bene in modo inconvenzionale per una storia di King per poi virare a metà circa nei cliché del maestro. Che essendo il maestro li gestisce bene, ma risuanano di un già letto in più di un passaggio (il personaggio sfigato/cattivo di turno che viene plagiato dall'entità maligna ed usato come suo braccio armato è stato usato da IT in poi troppe volte).

Lunghi giorni e piacevoli letture,
T_theT
"Io ho il cuore di un bambino... lo tengo in un barattolo sulla mia scrivania."

Avatar utente
Giacomo Petrie
Affezionato Kinghiano
Affezionato Kinghiano
Messaggi: 383
Iscritto il: lun feb 13, 2012 1:51 pm

Re: The Outsider

Messaggioda Giacomo Petrie » gio gen 24, 2019 9:14 pm

Terru_theTerror ha scritto:Parte molto bene in modo inconvenzionale per una storia di King per poi virare a metà circa nei cliché del maestro. Che essendo il maestro li gestisce bene, ma risuanano di un già letto in più di un passaggio (il personaggio sfigato/cattivo di turno che viene plagiato dall'entità maligna ed usato come suo braccio armato è stato usato da IT in poi troppe volte).

Lunghi giorni e piacevoli letture,
T_theT


Anche io ho pensato ad It.
La figura "mostruosa" senza forma o con molte forme.
Comunque si, come prima opera sarebbe stato un 10 ma essendo venuto dopo IT, è un 6,5 per me.
Non c'è vita qui, ma il lento morire dei giorni.

La danza è vita.

Lou
Poppante Kinghiano
Poppante Kinghiano
Messaggi: 3
Iscritto il: dom gen 20, 2019 9:54 pm

Re: The Outsider

Messaggioda Lou » sab gen 26, 2019 10:58 am

Ho finito di leggerlo di recente...Non male ma neanche uno dei migliori. In particolare vorrei segnalare una curiosità...Arrivata a pag 524 il libro finiva...con un "a capo"....poi una pagina bianca e stop. Evidente errore di stampa. Fortunatamente il supermercato me l'ha cambiato anche senza scontrino...ho comunque scritto una email alla Sperling&Kupfer per segnalare la cosa..ma per ora nessuna risposta.
Non mi era mai successa una cosa simile...eppure di libri del Re ne ho tanti...

Upson Pratt
Volenteroso Kinghiano
Volenteroso Kinghiano
Messaggi: 40
Iscritto il: lun ago 21, 2017 6:31 pm

Re: The Outsider

Messaggioda Upson Pratt » gio giu 13, 2019 1:24 pm

boh sarò fatto storto e male, ma bravo e beato chi capisce più stefanuzzo bello.

premesso che non l'ho ancora finito e che quanto sto per scrivere contiene un paio di spoiler per chi non ha ancora intrapreso il viaggio, ma dopo una partenza che lascia ottimamente sperare, king proprio non ce la fa a trattenersi dal farla narrativamente chilometri fuori dal vaso, e quello che più fa incacchiare è che lo fa a fronte di una perizia espressiva inopinabile.

Spoiler: Mostra
il rimprovero stavolta parte dalla stessa copertina, che pure non è molto probabilmente una sua scelta editoriale e di marketing. per chi è oramai quel poco scafato e conosce bene il suo pollo, spoilera già tutto. non si poteva davvero trovare qualcosa di più vago e sfumato e altrettanto ammiccante ed evitare di farci da subito capire che il plot abbraccerà una deriva fantasy?! avrebbe tenuto più al lazo il lettore, destabilizzandolo maggiormente quando la detection inizia a vedersela col sovrannaturale. il quale lettore invece mangia già verso pagina 70 non solo la foglia, ma tutta la foresta quando entra in campo il mac guffin dell'ubiquità.
molto bello comunque il tragico e inatteso turnover davanti al tribunale, che faceva preludere svisceramenti sul senso e sulla profondità del lutto degni di un pet semetary (più che a it il mio pensiero è analogicamente andato a oz il gvande e tevvibile, e ho visto una qualche parentela tra grace e ellie creed), che vengono invece in gran parte disattesi, alla volta comunque di una riflessione sulla necessità comunitaria del capro espiatorio che avrebbe lasciato ammirato girard. ma fin qui si va avanti con fiducia. i personaggi, compresi quelli secondari, sono tratteggiati con maestria, la storia va dritta come un siluro e il senso di colpa che rende sfaccettato e problematico ralph è il numero vincente dell'insieme.

quel che lascia increduli e poco (e niente, per quel che mi compete) inclini al perdono è quanto accade a circa metà. dove king non trova di meglio da escogitare del fare calare dal comignolo il suo personaggio più detestabile di sempre, ormai assurto a eroina, e con un drag and drop dal trittico di finders keeper (dove già faceva venire le bolle da capo a piedi) erigerlo rovinosamente a protagonista per la quarta volta. dico rovinosamente perché arrivato alla chiamata di Alec a Holly lamaionese impazzisce e la perdita di interesse diventa assoluta nel giro di due pagine e si accantona il libro con un "ma che davero?". dico solo che dopo due settimane di pausa, lo riprendo dallo scaffale e porto di nuovo avanti per dovere e nella speranza che almeno stavolta holly venga finalmente fatta fuori (e anche fosse, king troverebbe comunque un modo di farla tornare dall'oltretomba).


già che ci sono, però, ne approfitto per domandare se qualcuno tra voi ha letto laurie, il racconto disponibile su solo eboob che prelude al romanzo. e a questo punto vorrei anche capire se sono il solo a trovare questo personaggio quanto di più sbagliato king abbia fatto sgocciolare dalla biro.

sam
Io e King siamo una cosa sola!
Io e King siamo una cosa sola!
Messaggi: 2833
Iscritto il: mar mar 17, 2009 7:49 pm
Località: ravenna
Contatta:

Re: The Outsider

Messaggioda sam » mar giu 18, 2019 5:15 pm

La prima metà mi è piaciuta e mi aveva fatto ben sperare, lo ammetto! Un assaggino di King l'avevo trovato e invece... :roll:
I fenomeni naturali sono tutti irreversibili......

Upson Pratt
Volenteroso Kinghiano
Volenteroso Kinghiano
Messaggi: 40
Iscritto il: lun ago 21, 2017 6:31 pm

Re: The Outsider

Messaggioda Upson Pratt » mer giu 26, 2019 3:56 pm

finito. ed era quasi meglio lasciarlo a metà.

poi
Spoiler: Mostra
Holly che fa secco in due mosse/righe l'outsider alla stessa identica maniera in cui mise a cuccia Brady in Mr Mercedes

è davvero tristissimo segno del non avere più una mezza idea che sia mezza e voler deliberatamente truffare il lettore. aggiungiamoci che quando gli parte la melassa diventa davvero un blob inarrestabile e non si regge più.

a king andrebbe ricordato che buona parte dei lettori sono anche acquirenti e che 22 euro per una pugnalata alle terga del genere sono un ladrocinio.

in definitiva: una buona - a tratti anche ottima - partenza progressivamente calata nelle fogne.

BenjiMears
Poppante Kinghiano
Poppante Kinghiano
Messaggi: 13
Iscritto il: dom dic 10, 2017 12:42 pm

Re: The Outsider

Messaggioda BenjiMears » mer giu 26, 2019 9:58 pm

"finito. ed era quasi meglio lasciarlo a metà."



Ad averlo saputo mi sarei fermato anche un po' prima di metà. Tipo "era quasi meglio non comprarlo"
________________________________
E' la storia, non colui che la racconta

Silvia1985
Poppante Kinghiano
Poppante Kinghiano
Messaggi: 5
Iscritto il: dom set 01, 2019 10:36 pm

Re: The Outsider

Messaggioda Silvia1985 » dom set 01, 2019 11:03 pm

) pensavo di essere la sola ad avere abbandonato il romanzo verso il punto dell'affermarsi del gruppo de "tutti per uno uno per tutti" ma ho notato che altri esseri umani hanno fatto lo stesso.
Ora mi domando: perché?
Perché il Grande King tende a perdere così volutamente lo smalto?
Perché si ostina a rifugiarsi nel cliché di sé stesso?

Lo vedo come un grande orso che,sornione delle sue vittorie, si culla di esse scrivendo a computer (e non a biro) ripetizioni di sé intervallate da piccole novità introdotte con il misurino.
Io penso che no,non ce lo meritiamo.

Qualcuno faccia recapitare queste parole al Maestro.
Amen.


Torna a “Romanzi e Racconti”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 5 ospiti

cron