Opere

2014- Un volto tra la folla

 

AUTORI:
Stephen King e Stewart O’Nan                    
TITOLO ORIGINALE:
A Face In the Crowd
TRADUTTORE:
Giovanni Arduino
DATA DI PUBBLICAZIONE USA:
21/08/2012
DATA DI PUBBLICAZIONE ITA:
29/04/2014
EDITORE USA:
Simon & Schuster Digital
EDITORE ITA:
Sperling & Kupfer
PREZZO:
4,99 €
FORMATO:
ebook
PAGINE:
47

 

 

 

SINOSSI UFFICIALE

Dopo la morte della moglie Ellie, Dan Evers ha deciso di trascorrere gli anni della pensione in Florida, dove passa le sue giornate tra tv e cibi riscaldati. Una sera, mentre sta guardando, come sempre, la partita di baseball, gli sembra di scorgere un volto famigliare tra la folla che gremisce la tribuna dello stadio. È il suo vecchio dentista, che Dan era convinto fosse morto da tempo. Probabilmente si è sbagliato. Il giorno dopo, un altro volto compare sullo schermo, e questa volta Dan sa che è quello di un defunto, il suo ex socio dell’agenzia di noleggio camion. Un sosia? Un’allucinazione causata dai sedativi che prende per dormire? Ma quando a comparire tra i tifosi è sua moglie Ellie, Dan decide che è venuto il momento di verificare di persona, andando direttamente allo stadio di St. Petersburg...

 

RECENSIONE STEPHENKING.IT

Questa storia di fantasmi, con un background sportivo al pari della Bambina che Amava Tom Gordon, è il nuovo racconto di Stephen King, scritto a quattro mani con Stewart O'Nan, autore che condivide la passione del re del terrore per i Boston Red Sox. I due scrittori avevano collaborato già in passato per scrivere il libro Faithfull: scambi epistolari tra King e O’Nan riguardo la stagione sportiva del 2004 dei Red Sox.


Il protagonista Dean Evers dopo la morte della moglie Ellie comincia ad appassionarsi al baseball, guardando noiose partite sui canali via cavo: “era un tifoso dei Red Sox che aveva abbandonato le bufere del nordest per la costa della Florida, adottando generosamente come sua seconda squadra i Devil Rays”. Sin dall’inizio della storia i due autori delineano con assoluta precisione la coscienza di questo vecchio pensionato tanto che una volta giunti alla fine della storia riusciamo a conoscerlo a fondo. Leggere “Un volto tra la folla” sembra quasi come sfogliare pagina dopo pagina la storia della sua vita, immedesimandoci nelle scelte che egli ha fatto. Veniamo a conoscenza del suo passato a poco a poco e la cosa più interessante è che i due autori fanno in modo che il lettore continui a vederlo di buon occhio, nonostante i numerosi  errori che ha commesso in passato e che emergono dai suoi flaskback.
A questo breve racconto di certo non manca l’elemento sovrannaturale, che lo colloca perfettamente nella categoria delle ghost-stories. Una notte, infatti, Dean vede  tra gli spalti inquadrati dalle telecamere facce fin troppo note: il suo vecchio dentista, il collega di lavoro con il quale era entrato in conflitto, un suo vecchio compagno di scuola ed infine sua moglie. I vari personaggi che il protagonista scorge nello schermo della sua televisione sono accomunati da un unico fattore: sono tutti morti. Dean Evers è un personaggio solo che “mangiava guardando la partita. Si preparava la cena da solo, ormai stanco dei ristoranti e di ordinazioni a domicilio inutilmente costose”. Sua moglie è morta, suo figlio Pat non ha abbastanza tempo per fargli visita, e non ha molti amici. Ed è proprio nei momenti di solitudine e debolezza che i ricordi tornano a perseguitarci nelle sembianze di fantasmi. Una tematica ricorrente in molte storie dello Zio Steve, proprio come nel recentissimo Doctor Sleep: “Puoi chiudere le apparizioni dell’Overlook dentro le cassette di sicurezza, ma non i tuoi ricordi. Mai e poi mai. Sono loro i veri fantasmi


Una trasposizione dickensiana di uno Scrooge moderno che fissa per ore ed ore lo schermo di un televisore per ammazzare il tempo. Una lettura piacevole e profonda,  con un finale avvincente ed imprevedibile. Un piccolo testo che non deve mancare nella nostra collezione che, grazie all’accurata traduzione di Giovanni Arduino del gergo americano del baseball, riesce a scorrere fluido nella nostra immaginazione.

Peppecharmed

 

Copertina USA: