Romanzi

2015 - Revival

Revival

Informazioni Essenziali:

 

Titolo Originale: Revival

Anno: 2015

Data di pubblicazione ITA: 17 / 03 / 15

Data di pubblicazione USA: 11 / 11 / 14

Casa Editrice USA: Scribner

Casa Editrice Ita: Sperling & Kupfer

Traduzione: Giovanni Arduino

 

Risvolto di copertina:

Più di cinquant’anni fa, in una placida cittadina del New England, un’ombra si allunga sui giochi di un bambino di sei anni. Quando il piccolo Jamie alza lo sguardo, sopra di lui si staglia la figura rassicurante del nuovo reverendo. Intelligente, giovane e simpatico, Charles Jacobs conquista la fiducia dei suoi parrocchiani e l’amicizia incondizionata del bambino: per lui il pastore è un eroe, soprattutto dopo che gli ha «salvato» il fratello con una delle sue strepitose invenzioni elettriche. Ma l’idillio dura solo tre anni: la tragedia si abbatte come un fulmine su Jacobs, tutto il suo mondo è ridotto in cenere e a lui rimane solo l’urlo disperato contro il Dio che lo ha tradito. È il bando dal piccolo Eden che credeva di avere trovato. Trent’anni dopo, quando Jamie avrà attraversato l’America in compagnia dell’inseparabile chitarra che l’ha reso famoso, e dei demoni artificiali che ha incontrato lungo il cammino, l’ombra di Charles Jacobs lo avvolgerà ancora: questa volta per suggellare un patto terribile e definitivo. 

 

La recensione di StephenKing.it

Come avrebbe detto Roland Deschain, protagonista della serie di romanzi della Torre Nera, Revival è un buon minestrone. In ogni capitolo, infatti, si possono “assaporare” diverse emozioni. 

È un romanzo di formazione, un Bildungsroman, che ripercorre lo sviluppo del protagonista fin dall'infanzia, dando al lettore la coscienza di crescita sulla via di un processo di maturazione. Allo stesso tempo, però, il romanzo può essere considerato storico in quanto ricostruisce, con la cruda realtà che soltanto King riesce a cogliere, le atmosfere, la mentalità, ed i costumi americani dagli anni ’60 ai giorni nostri, evidenziando nelle tranquille cittadine del New England il mondo della tossicodipendenza e della musica rock. La storia, infine, si amalgama perfettamente con altri generi letterari: alcune scene potrebbero essere considerate thriller ed horror, rendendo il testo un vero e proprio  “revival” narrativo.  

Tant’è vero che non esiste titolo più appropriato! Revival rappresenta una rinascita letteraria, una riesumazione di tutto ciò che pullula nella fervida mente dello scrittore. Un termine che può indicare sia una riscoperta musicale, sia la resurrezione  stessa e sia una nuova corrente religiosa. Un romanzo intriso di fanatismo religioso e di nostalgia che mette in risalto questo rapporto quasi faustiano tra scienza e magia facendo compiere gesti disperati a tutti coloro che hanno perso la speranza. 

Sinistro. Cupo. Elettrizzante. Revival è scritto in prima persona sotto la prospettiva del giovane Jamie Morton, la cui sorte è destinata ad incrociarsi con quella del predicatore Charles Daniel Jacobs: il “quinto elemento”, il suo agente di cambiamento.

Già dalla dedica, presente all’inizio del testo, possiamo intuire che il romanzo ha tutte le premesse per essere definito “cattivo ed oscuro”. La storia, difatti, può essere considerata una rivisitazione moderna del Frankenstein di Mary Shelley e de Il grande Dio Pan di Arthur Machen, passando per le inquietudini di H.P. Lovecraft e citando le bizzarre avventure di Rip Van Winkle. Stephen King ha inserito volutamente una lista di scrittori che “hanno costruito le fondamenta della [sua] casa” per far intuire al lettore che questa storia ha un substrato gotico ed horror, in quanto è stata dedicata ad una serie di scrittori considerati i pilastri di questi due generi. Basti pensare al Dracula di Bram Stoker, La cosa oscura di Peter Straub o al famosissimo Psycho di Robert Bloch.

Com’è noto agli aficionados kinghiani, l’autore ama far convergere le sue opere l’una con l’altra. Ed ecco che il “Fedele Lettore” riesce a scovare tra le righe l’ossessiva presenza del numero 19 in luoghi, oggetti o nomi di persona, così come appare evidente il collegamento spazio-temporale con la cittadina immaginaria di Castle Rock e l’indimenticabile parco giochi Joyland. Inoltre, intravediamo in questo testo nostalgico evidenti tracce delle sue opere passate, elementi soprannaturali che ricordano a tratti la Zona Morta ed eventi traumatici che hanno portato alla dipendenza dall’alcool e dalla droga come è accaduto in Doctor Sleep. Ma non aspettatevi dei vampiri durante la lettura! L’orrore è reso molto più umano! Proprio come Padre Callahan, Charles Daniel Jacobs perde la sua fede, ma a differenza del prete di Salem’s Lot,  il presbitero di questo romanzo ha intenzione di sfruttare tutte le sue conoscenze per raggiungere il suo obiettivo.  

La storia sembra ricalcare svariati elementi autobiografici dello scrittore, relativi al suo periodo di dipendenza e alla sua instancabile voglia di suonare ed ascoltare i Ramones. E se Jamie Morton fosse un alter ego di Stephen King? Si potrebbe ipotizzare, data l’usanza dell’autore di creare innumerevoli mondi paralleli, che le vicende del protagonista possano in qualche modo essere una possibile vita alternativa, se non fosse divenuto uno scrittore di successo. 

Il lettore non riuscirà a staccarsi dal libro perché nessun altro meglio di King può raccontare una quotidianità così affascinante ma al contempo cupa ed enigmatica. La trama, così come i protagonisti e lo stile di scrittura piacevole, rende questo libro una vera esperienza di lettura. Un romanzo coinvolgente in cui l'orrore si nasconde silente tra le pagine, celato dalla strabiliante abilità letteraria dell'autore. Una storia che dona speranza, ma che riesce allo stesso tempo a strappartela improvvisamente via dal petto. Infatti una delle grandi qualità di questa opera letteraria è proprio l’accumularsi di tensione, pagina dopo pagina, che ti trattiene come fosse un magnete. Un testo affascinante ed insidioso tradotto abilmente dalle esperte mani di Giovanni Arduino. 

Lasciatevi elettrizzare da questa storia: “Se volete la verità, se cercate un potere più grande di noi tutti, osservate il fulmine” .

 

                                                                                                                                                                                                                         Peppecharmed

Non hai ancora letto Revival? Acquistalo su WEBSTER a questo link!